Condividi su Facebook

Chi Siamo

Costituzione dell'associazione


A seguito di due gravi incidenti stradali, nei quali hanno perso la vita due giovani, Mauro e Luca, alcune persone sensibili al problema della sicurezza stradale decisero di unirsi per fare qualcosa "per la vita".

Nasce così l'associazione Pro Vita nel 1991 a Pagnano di Merate.

Il libro riportato qui a fianco, scritto da Erminio Bonanomi in collaborazione con la nostra associazione, racconta la storia di uno di questi ragazzi, Mauro, e degli eventi che portarono alla fine del giovane.



Finalità


Come si può leggere dallo statuto, l'associazione si pone come finalità primaria la "..solidarietà civile e lo scopo di promuovere, propagandare e diffondere una cultura che salvaguardi la vita e che abbia come scopo il suo miglioramento".

Per raggiungere questo scopo si punta principalmente sull'autoeducazione dell'utente della strada, ottenuta attraverso l'uso di messaggi positivi, semplici, frequenti e di immediata ricezione rivolti sia al singolo utente che ad istituzioni, quali: oratori, scuole fabbriche o luoghi di ritrovo come: discoteche, bar e qualsiasi altro luogo frequentato da giovani.

In questo modo l'Associazione svolge un'attività di prevenzione che include anche l'aspetto culturale nel senso che le informazioni mirano ad orientare l'utente alla prudenza sulle strade quale scelta consapevole, informandolo nel contempo sui condizionamenti esterni che compromettono tale scelta.

Per saperne di più scarica lo statuto in formato pdf.

Membri dell'associazione


Il rinnovato Consiglio direttivo PRO VITA resterà in carica sino all' 8 novembre 2015.

Presidente: Michele Bonalume
Vice Presidente: Federico Guzzi
Segretario/Tesoriere: Roberto Brembilla

Altri membri del Consiglio direttivo:

Angelo Mauri, Bruno Bollato, G.Battista Nodari, Lidia Ghezzi, Mario Conti, Massimo Bonanomi.

Fra le novità, il giovane presidente a cui tutto il Consiglio direttivo ha espresso il proprio compiacimento ed incoraggiamento.

All'unanimità il Consiglio, sul tema della prevenzione degli Incidenti Stradali, ha indicato l'assoluta priorità.

Particolare attenzione sarà dedicata alle Amministrazioni che hanno aderito o aderiranno a "Strade Urbane ed Extra Urbane Senza Vittime", e ciò al fine di mettere in campo iniziative di prevenzione condivise.